maedusa

I Maedusa selezionati per SanRemo-Rock 2022

Sanremo Rock & Trend Festival, arrivato alla sua 35 esima edizione, è la vetrina nazionale ed internazionale per tutte le Band Rock. Il Festival ha come scopo quello di far emergere nuovi gruppi musicali e punta a far diventare questo concorso una vetrina nazionale ed internazionale per tutti quei giovani che cercano di far conoscere le proprie qualità

I Maedusa selezionati per SanRemo-Rock 2022.

La band si è candidata inviando un inedito sulla piattaforma.

Selezionati in questa prima fase, hanno avuto accesso alla fase di esibizione live, che si è tenuta al Club Tilt di Avellino. Superata anche questa fase, si esibiranno alle finali nazionali, che si terranno al Teatro Ariston di Sanremo dal 5 al 10 Settembre.

I Maedusa

Il progetto Maedusa nasce a Pompei nel 2017. Della formazione originaria ci sono tuttora Roberta Caraviello alla voce, Antonio Clemente alla chitarra e Luigi Tarantini alla batteria. A questi si è aggiunto, nel 2020, il più piccolo del gruppo, 16 anni, il bassista Gennaro Russo Guarro.

“Come la maggior parte dei gruppi appena nati, abbiamo cominciato suonando cover, da David Bowie ai Pearl Jam, passando per i Led Zeppelin, i Beatles e Battisti. Suonando abbiamo sentito l’esigenza di personalizzare le cover, fino ad arrivare ad una loro totale trasformazione e ora scriviamo anche nostri brani”.

“I testi sono scritti da Roberta, sono fortemente introspettivi. Riflettono esperienze personali -lo scopo è esprimersi nel modo più onesto e schietto possibile. Esprimere le proprie emozioni non è mai una debolezza, è forza e dà forza.

Le chitarre sono interamente composte da Antonio e contengono tantissime influenze provenienti dagli anni 80 e 90. Arricchite da un sound moderno, nuovo, senza mai dimenticare i supereroi dei vinili.

Le parti di batteria sono arrangiate da Luigi e sono il frutto di un ensemble ritmico, che raccoglie influenze funk, blues e progressive. Le linee di basso, pensate e arrangiate da Gennaro, sono fortemente influenzate dalle vibe degli anni 90. Il sound è messo su con tocco felpato, salvo aprirsi generoso nel bel mezzo del brano”.

La musica che la band propone è l’incontro tra i generi e le tendenze musicali di ogni singolo componente, è un dialogo, concitato e non, aperto e organico, pacifico e armato. I primi brani autografi sono stati il frutto di pura sperimentazione.

“Dovevamo conoscerci e capire quale fosse il suono migliore, capace di rappresentarci come gruppo, eravamo alla ricerca del nostro stile. Gli ultimi scritti ci somigliano, parlano di noi, ma la sperimentazione non si ferma, è il nostro stesso fare musica. Dialogo e sperimentazione sono la nostra strada. In questi mesi stiamo lavorando tantissimo, parteciperemo a qualche live e poi ci saranno Sanremo rock e il tour Music Fest e noi siamo strafelici!”