sito-manic-monday-bebe-rexha-hq

MANIC MONDAY [26/11] – Le canzoni da non perdere della settimana

Non può piovere per sempre. Balle. Cade acqua dal cielo a giorni alterni da un anno. Dicono che sia il riscaldamento globale, ma per me è colpa della gente stonata.


GAZZELLE – SCINTILLE

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Anche in questo Manic Monday vi metto un Gazzelle a tradimento. Arriverà un giorno in cui mi disintossicherò dalla sua musica. Ve lo prometto.
[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


WITHIN TEMPTATION ft. ANDERS FRIDÉN – RAISE YOUR BANNER

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Al netto di video davvero orribili, diventati da anni un marchio di fabbrica, i Within Temptation continuano a rinnovarsi, trovando nuove contaminazioni con il gusto pop che li ha sempre distinti. Bella canzone, questa con il leader degli In Flames.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


MURUBUTU – LA NOTTE DI SAN LORENZO

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


L’accostamento beat e flow mina la credibilità del pezzo, accostandolo alle canzoni gigione degli pseudorapper sanremesi di una decina di anni fa. Peccato, perché Murubutu ha tante cose da dire.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


STEVE AOKI ft. BTS – WASTE IT ON ME

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Faccio parte della generazione delle boyband. Il k-pop ha fatto ormai breccia nel mio cuore. E amo il video della collaborazione tra il dj Steve Aoki e i BTS.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


PATRIZIO SANTO – ANCORA

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Ci sono voluti ben due autori e un produttore per sfornare una canzone degna dei peggiori Dear Jack. Peccato, perché Patrizio Santo avrebbe il potenziale per fare qualcosa di diverso da brani vecchi e infarciti di cliché.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


INDIGO & THE SIRENS ft. VILLANO ANTILLANO – VIRUS (Remix)

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Indigo & The Sirens torna con un featuring inaspettato con un rapero, che altrettanto inaspettatamente valorizza la già potentissima “Virus”.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


DIRT O’MALLEY – FIORI

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Classe ’96, palermitano, il trapper sta ancora esplorando i generi alla ricerca del proprio sound. Potrete anche non amare la trap e il rap in generale, ma questo linguaggio ormai si è fatto strada nella musica. E Dirt O’Malley lo mastica alla perfezione.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


ITALOBROTHERS – TILL YOU DROP

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Gli ItaloBrothers sfornano l’ennesima canzone perfetta per ogni radio. Peccato che sia necessario aspettare il bridge per sentire un po’ della tamarraggine italodance che li ha resi famosi.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


LAURA PASUINI ft. BIAGIO ANTONACCI – IL CORAGGIO DI ANDARE

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


L’Imperatrice del Male e il Signore delle Tenebre uniscono le forze per dare la stoccata finale a ciò che è buono e giusto nella musica. Il pezzo non sarebbe neanche orribile, ma le finte onde del piano-vasca da bagno mi hanno distratto dall’ascolto.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


ZUCCA – KILL IT AGAIN

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


L’eclettico cantautore lucano fa evolvere il sound di “Malomodo” portandolo verso lidi più sperimentali. In attesa dell’uscita di “Vattene”, accontentiamoci di capire questo nuovo singolo. Interessante.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


GIULIANO DOTTORI ft. PAOLO MARRONE – NESSUNO AL MONDO

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Il leader dei Favonio reinterpreta l’elegante brano di Peppino di Capri. L’arrangiamento di Giuliano Dottori regala a “Nessuno al mondo” una veste moderna che conserva il fascino dell’originale. Questa canzone fa parte del documentario sull’artista Salvatore Accolla di Paolo Boriani, che non vedo l’ora di vedere.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


A$AP ROCKY – SUNDRESS

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


La traccia è una bomba, ma vogliamo parlare di quanto è bello questo video? Vogliamo farlo?

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


CARLO ADDARIS – IL FUOCO SULLA SABBIA

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Si muove nella scena underground da diversi anni Carlo Addaris. Forse lo conoscete come frontman dei Colazione Freak, forse per il suo progetto Lo-Car. A breve pubblicherà il secondo album solista in italiano. E se queste sono le premesse, non vedo l’ora di ascoltare il suo prossimo lavoro discografico.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


P.O.D. – LISTENING FOR THE SILENCE

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Chi non muore… si risente! Ebbene sì, i P.O.D. sono ancora in attività e non sono morti con la nostra adolescenza.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


JOVANOTTI – CHIARO DI LUNA

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Penso sia la prima canzone di Jovanotti a piacermi davvero. Sono molto sorpreso. Non vedo l’ora di sentirla rifatta da qualche cantante.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


DAVID GUETTA ft. BEBE REXHA & J BALVIN

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


È ufficialmente scoppiata l’epidemia espanica per tutte le promesse non mantenute del pop alternativo. Dopo Marina e Meghan Trainor, anche Bebe Rexha unisce le forze con un dj e con uno dei 3 tizi che fanno tutte le canzoni reggaeton estive.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


ALBERT – LIBERTÀ

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Albert si conferma un giocatore di un’altra fascia rispetto ai nuovi (e tanti vecchi) rapper. Le influenze cantautorali sono sempre più chiare. E non gli manca il gusto pop. Sentiremo parlare a lungo di lui.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


THE PICTUREBOOKS – HOWLING WOLF

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Sentita la polvere, lo sporco, il prurito che vi assale ballando nel deserto vicino alla Route 66? No? Allora non avete ascoltato attentamente.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


FEDERICO MECOZZI – BIRTHDAY

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Arriverà presto l’album d’esordio di Federico Mecozzi, che da un decennio accompagna Ludovico Einaudi. E non poteva esserci un modo migliore per spiccare il volo di questa stupenda “Birthday”.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


MONDO MARCIO – DDR (DIO DEL RAP)

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Se, vabbè. E io ho inventato le rubriche settimanali per parlare delle nuove uscite. Mapperfavore.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


WEEZER – ZOMBIE BASTARDS

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


E anche oggi ho la mia canzone preferita della settimana. Die, die you zombie bastards!

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


STONA – SANTA PAZIENZA

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Delicato, elegante. D’altri tempi, come l’ha descritto lo stesso Massimo Stona. “Santa Pazienza” ha anticipato il suo album “Storia di un equilibrista¨, decisamente più ritmato.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


PERFUM GENIUS – NOT FOR ME

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Con un testo intimo e velatamente politico, la nuova poesia di Perfum Genius si fa musica ermetica e sensuale. Come sempre. Bravo.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

https://youtu.be/L-kHx59QWcE

[/one_half_last]


JACK JASELLI – BALLA

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


È sempre un piacere sentire Jack Jaselli in italiano. Anche in chiave radiofonica e leggera.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


SET IT OFF – LONELY DANCE

[one_half padding=”0 10px 0 0″]


Chiudiamo le danze con il ballo solitario dei Set It Off, che contaminano il genere con inaspettate sonorità latine. Come ampiamente dimostrato dai Fall Out Boy, la ricetta per questo tipo di band per sopravvivere è la continua ricerca di nuovi sound. Che spesso porta a inattesi exploit.

[/one_half]

[one_half_last padding=”0 0 0 10px”]

[/one_half_last]


E per questo lunedì è tutto. Vi aspetto la prossima settimana con tante nuove canzoni, tutte da ascoltare, commentare, criticare e – forse – salvare nelle nostre playlist!