Non troppo tempo fa, Billie Eilish è stata vittima di Bodyshaming per via di alcune foto pubblicate dal Daily Mail. E dire che nelle foto incriminate la cantante se ne stava semplicemente andando in giro in canottiera, sandali e shorts. Non è raro che l’utenza media dell’internet sappia dare del proprio peggio, ma alcune volte riesce ancora a stupire. In una recente intervista per Vanity Fair l’artista è ritornata sull’argomento.

«Credo che la gente che mi sta vicino fosse più preoccupata di me, perché in passato mi sono tagliata proprio per il mio corpo. A essere onesta, ho iniziato a indossare vestiti larghi per nasconderlo. Sono davvero felice che sia capitato in quel particolare momento della mia vita. Pensa se fosse successo tre anni fa, quando il rapporto col mio corpo era orribile, o cinque anni fa, quando non mangiavo. Morivo di fame di proposito. Ricordo di aver preso una pillola che pensavo mi avrebbe fatto dimagrire, invece ho solo fatto pipì nel letto. Avevo 12 anni. È assurdo, non riuscivo a crederci. Pensavo che sarei stata l’unica ad affrontare l’odio per il mio corpo, ma a quanto pare lo fa anche Internet. Grandioso. Internet odia le donne»

La questione Bodyshaming era stata già affrontata da Billie Eilish in occasione del “Where Do We Go? Tour” grazie al cortometraggio “Not My Responsability”. La cantante si è messa a nudo, dimostrando maturità e grande sensibilità. Alla faccia di chi dice che è troppo piccola o che “sta rovinando l’America”. A proposito di questo, di quando il fu Presidente scrisse un documento sulla cantante, nell’intervista Billie Eilish ha dichiarato:

Ero davvero orgogliosa di me stessa. Un sacco di amici mi hanno scritto per dirmi quanto fossero felici: “Trump ha paura di te!” Io ho pensato: potete dirlo forte. […] Ci sono ancora un milione di problemi da affrontare, ma far uscire quello stronzo arancione dalla Casa Bianca è la cosa migliore che potesse capitarci»

Troppe volte le star vengono sommerse da insulti, alle volte davvero pesanti, per via del proprio corpo. Un altro esempio recentissimo è quanto successo a Jennifer Lopez, la quale è stata pesantemente aggredita per via di alcune foto postate sui social. A quanto pare per il pubblico di internet è più importante far sapere la propria opinione, inutile e carica d’odio, su di un filo di cellulite, piuttosto che discutere del nuovo bravo di della cantante portoricana. Il Bodyshaming è un problema attuale e pericoloso. Per via di queste barbarie molte persone arrivano, spesso, a compiere atti tragici. Davvero, è questo quello che vuoi, caro amico anonimo dell’internet?

Billie Eilish – NOT MY RESPONSIBILITY – a short film

a short film originally produced for and seen on tourmade by billie eilishdo you know me?really know me?you have opinionsabout my opinionsabout my musicabout…

(Visited 3 times, 1 visits today)