“Così fan tutte” è il tentativo ben riuscito, e culturalmente interessante, di ravvivare un legame antico. Quello tra l’opera lirica e il teatro di prosa, che si è affievolito a partire dalla seconda metà del ‘900. La maggioranza dei grandi registi del secolo scorso masticava l’una e l’altra forma d’arte. Spesso hanno fuso i differenti linguaggi, le scenografie, la poesia della parola cantata. Oggi viene in mente Emma Dante, per restare in Italia. Ma non esondiamo. “Così fan tutte” gioca con l’opera mozartiana e il libretto di Lorenzo Da Ponte, shakerandola intelligentemente in una spassosa oretta. Un’operazione che richiede lo studio approfondito di una struttura musicale raffinata, oltre a un pizzico di sana follia.

Non è semplice condensare un dramma pieno di simmetrie, scambi di identità, sottigliezze psicologiche che distinguono i personaggi in profondità, sia pure entro la cornice comica. Che più propriamente, per alcuni, è tragicomica. Alcuni rischi: appiattire il contenuto in mero intrattenimento, fare overdose di cliché psicologici, ridicolizzare il registro sonoro. Ma la soluzione scelta da I Tre Barba, che appunto in scena sono solo in tre a fronte dell’affollato palco mozartiano, è semplice quanto geniale. Dovendo escludere ogni onerosa bizzarria scenografico-costumistica, scelgono l’ironica silhouette da gran gala, con smoking e papillon da far invidia alle più mondane apparizioni de I Tre Tenori.

Non è frequente riuscire a ridere così di gusto a teatro, conservando la percezione di una qualità formale elevata. Il genere del clown, che coprirebbe quella dicotomia, in Italia è in effetti bistrattato. Declassato a colorata apparizione circense o da arte di strada. Che poi non sarebbe un vero declassamento di genere, ma equivale a un sistematico allontanamento dai grandi cartelloni. “Così fan tutte” è in tal senso una mise-en-scène importante, coraggiosissima nel proporre linguaggi eterogenei.

“Così fan tutte” è il tentativo ben riuscito, e culturalmente interessante, di ravvivare un legame antico. Quello tra l’opera lirica e il teatro di prosa

I Tre Barba in “Così fan tutte” mescolano senza timori reverenziali repertori distanti e nobili: il teatro comico-cabarettistico con la musica neomelodica, la lirica col teatro dell’assurdo. Un esito che manifesta un lavoro attoriale sul testo – e sui corpi in scena – ammirabile.

Non privo di riferimenti, forse inconsci, alle grandi regie dell’opera mozartiana, che spesso hanno articolato su vari livelli le simmetrie insite nel libretto. Le due sorelle, Fiordiligi e Dorabella, sono ingannate e sedotte dai loro rispettivi amanti, Guglielmo e Ferrando. Questi imbastiscono il gioco a parti inverse e buffonescamente en travestiI Tre Barba riscrivono la geometria dell’opera muovendosi su una partitura a tre. Lorenzo De Liberato e Lorenzo Garufo fanno le parti di Ferrando Dorabella e Guglielmo e Fiordiligi, scambiandosi poi i panni nell’interpretare anche gli ufficiali albanesi che mettono alla prova l’amore delle due sorelle. Alessio Esposito sta al centro, figurativamente fa da perno e raccoglie i ruoli intermediari del libretto: Don Alfonso, la cameriera Despina e i loro travestimenti.

Ma poiché si tratta di un’evocazione lirica, non può mancare la musica. Affidata al divertentissimo cantare – peraltro ben intonato – dei tre in scena, senza alcuna colonna sonora. I temi musicali fanno spesso eco alle note mozartiane, ora bofonchiate ora declamate in appassionati assoli. Oppure accompagnate dal battere di mani e piedi che con curiosa efficacia colgono i leitmotiv militareschi. Tra le tracce cantate non possono mancare le irruzioni neomelodiche, tutte da ridere ma sempre a tema e a servizio del commento, fra l’ironico e il grottesco, al sentimento di turno. “Così fan tutte” è insomma un esperimento felicissimo su un format innovativo, che riporta all’attenzione un patrimonio irrinunciabile senza vezzi tradizionalistici o timori reverenziali. Giocando seriamente, come si dovrebbe sempre fare quando si vuol far ridere con (l’)arte.

Log In or Sign Up to View

See posts, photos and more on Facebook.

(Visited 4 times, 1 visits today)