Ed eccoci tornati, come sempre, in compagnia di un nuovo album di cui parlare. Ma stavolta niente musica elettronica, niente tastierine piene di fili e di pulsanti. Invece parliamo di qualcuno che preferisce imbracciare una chitarra, delle bacchette, e far saltare i muri dello studio. I protagonisti di oggi sono i Rossometile che si presentano con la loro quinta produzione musicale. Il disco, che porta il nome di “Desdemona”, ci apre le porte di un mondo onirico, antico. Un mondo la cui chiave di lettura può essere trovata solamente nella poesia. Una voce forte ma delicata che duetta col suono ritmato di un palm mute. Uno scenario profondamente gotico che dà vita a visioni silvane o fantasy. Insomma un immaginario che, per intendersi, può essere associato al mondo di J. R. R. Tolkien.

“Desdemona” è anche una storia di tematiche sociali artisticamente camuffate in storie e testi apparentemente poco attuali. I Rossometile attraverso l’utilizzo di tematiche esplicitamente medioevali, vogliano raccontarci una storia di distacco ed isolamento sociale; Delle tematiche ora più che mai attuali. E questo è evidente già dall’etimologia del nome “Desdemona”, titolo del disco e dell’omonimo brano di apertura. Il termine infatti, utilizzato come nome proprio, attribuito ad una donna significa “nata sotto una cattiva stella”. È proprio con la prima traccia del disco che i Rossometile ci parlano dell’oppressione e della violenza in rosa.

“Desdemona” dei Rossometile segna definitivamente lo stile di questa band, un sound sospeso tra gothic metal e musica celtica.

È da notare anche l’utilizzo, all’interno dell’album, di un intenso utilizzo di strumentazioni tipicamente storiche come la ghironda e la cornamusa medioevale. Ascoltando bene è possibile rinvenire infatti un omaggio ad un sonetto del 1580 conosciuto col nome di “Greensleevs”. L’idea di mescolare questi timbri morbidi ad una sonorità prettamente gothic metal fa parte dello stile peculiare dei Rossometile. E ancora l’utilizzo frequente della recitazione, come nell’incipit di “Sole che cammini”. Questi sono soli alcuni dei molti particolari interessanti che è possibile trovare all’interno di “Desdemona”. Il disco, uscito lo scorso 11 di aprile, è ora disponibile su tutte le piattaforme digitali. Consiglio l’ascolto a tutti coloro che apprezzano sonorità metal o in generale pop rock.

Rossometile

Rossometile was founded in Salerno (Italy) in 1996 at the initiative of the guitarist Rosario Runes Reina and the drummer Gennaro Rino Balletta. The aim was, and is, to create original songs starting from a metal sound, and contaminating it with other genres.

(Visited 3 times, 1 visits today)