Hello Linda and welcome to Music.it! Let’s start with a question we can’t miss: is there a peculiar episode or a very embarrassing anecdote occurred throughout your career that you never shared with anyone?

Hi there, thank you for having me! Well, actually there is! I used to work as a show entertainer on cruise ships about 5 years ago. I was singing but also dancing and always giving 100% when performing. One night, while I was doing the show during a number I saw two guys looking – or should I say staring – at me! I thought they were enjoying what I was doing, but then I saw more and more people in the audience who started looking at me and laughing. I looked down and saw that my whole left breast was showing up! The bra-strap had come loose. I have no idea for how long I’ve been dancing around like that. EMBARRASSING! Now I’ve told you something that I’ve never told anyone!

Tell us a little more about yourself and your activity of musician, please!

I’m very grateful for my talent as an artist! I started singing in a gospel choir when I was 13 years old. At the age of 14 I saw the musical “Chicago” and I was blown away. I remember thinking that I wanted to do that musical sometime in my life and I knew from then that I wanted to work as a musical artist. I started studying at the Balett Akademien – Ballet Academy – in Gothenburg. The school was for three years but then I auditioned for a TV-show called “Popstars” and I got into the show and I won. Five winners got put together as a band named “Supernatural” and we moved in together in an apartment in Stockholm where we recorded an album and became one of Sweden’s biggest teen-pop band at that time.  It was awesome! I couldn’t believe it!

And how did this adventure proceed?

We toured Sweden for 2 years and then the band split. But I started writing my own music and at the same time I started working on cruise ships. It was amazing. I was sitting in my cabin all day playing till my fingers bled. I wrote so many song. Then I was performing in the evening. After that I started working in Copenhagen in Denmark as a dancer in the musical  “Chicago” as the character of Annie. I did that for 2 years and then I auditioned for “Idol”. “Idol” is a very popular talent show like X-Factor.

A new show, then.

Yes. I got into the show and came to the finals. It was not what I was expected. I thought it would be like a walk in the park, but that was NOT the case!!! I became so insecure about myself. I was in the finals of that show and it brought me a lot of popularity, but it also made me very insecure, maybe I was out of my element performing cover songs. But I’m glad I had the experience. I will never hold back on myself again as I did then. This was 2010 and after that I’ve been touring in both Sweden and Germany with my own music. Much has happened for me since COVID came. My American management and I signed a co-management with Kiara Laetitia who is an Italian artist manager and entrepreneur. I’m releasing more music than ever and much more is happening but I can’t tell you about it yet…

Linda Varg, you’re from Sweden. I always wonder whether the place in which artists grow up gives an ultimate shape to any artistic inspiration. What do you think about it?

I absolutely believe that it can affect many artists how they create their music and sound.
But the world is like an open book now with all the streaming platforms and there are no direct borders anymore between all the countries so I think it’s disappearing more and more. I am not directly influenced by the Swedish folk music since I only listen and have always listened to American music. I have been asked many times if I want to sing in Swedish but then how can the rest of the world understand what I sing? I’m aiming worldwide.

I would like you to share a thought about television producing art. Your experience comes from it, after all.

Well it’s one way to get through as an artist and it’s very fast. But, for most of them it never lasts. I don’t want to undo what I did but I’d never do it again. When I think about it now it feels fake and not from the heart. It’s like a mix between karaoke and a show. But of course it’s fun and entertaining so I understand why it’s so popular. But it has nothing to do with a burning desire of love for music. I understand that people want to do it cause I wanted to do it too. Piece of advice if an artist decides to go on a reality show: only listen to the jury when they are saying good things!

Let’s talk about “Weak”, the Skunk Anansie’s cover you recently released for the world. Why did you choose that song and what did you want to express by covering it?

I love the song both to listen and sing to. I had it sometimes as an extra number in my concerts but I never thought about recording it myself since I only released my own music. Last summer I heard a voice inside of me that said “do a cover of Weak”. I knew it was an awesome idea so I called my friend and producer Karl-Ola Kjellholm and asked him if he wanted to record it with me and he said yes. I wanted to do a modern pop version of the song but still keep the punch. I’m super proud and happy about the way it turned out. I love the mix of drumloops, electric guitar and synthbass!
I have also a music video for the song. It’s sexy, dark and emotional. Something I’ve never done before!

Have you ever played in Italy? If not, would you tell us about the place in the world you loved playing the most and why?

I have never played in Italy before. If it doesn’t count with “cyberspace Italy” cause then I have a couple of times for two different livestream festivals. I want to travel down to Italy and play as soon as I’m allowed to. I have only played in Sweden and Germany so far. I love playing in Sweden but it was more fun in Germany. They really love live music and they are not shy to stand close to the stage and showing their love! It’s amazing. I was supposed to start playing in the USA last fall but because of COVID I had to cancel everything… I’m curious to meet the Italian audience. I do not know what to expect but long to find out!

Do you want to tell us how you managed to live this unfortunate historical moment that is paralyzing arts and live events?

For me, it felt completely okay (in Sweden there are not as many restrictions like Italy), but to be honest, I’m starting to get a little tired of this. I love performing and I have been touring for at least 3 years and all of a sudden it stopped. But I started to livestream at the beginning of this pandemic and that was alright but you cannot do too much of that either. I try to focus on what is positive. I write music and release continuously and I also have contact with fans through social media. Which I’m very grateful for! I also have a fantastic management team consisting of Sami Rusani in the USA and Kiara Laetitia in Europe. It is a dream to work with like-minded people!  This is what keeps me going.

Name five album you can’t live without, please.

It’s been a long time since I listened to a full-length album. Nowadays, it is so easily accessible with music that it is usually just a single song from an artist… But I remember well when I had CDs that I listened to and my a favorites are: ” Jagged little pill” by Alanis Morissette, “Black Album” by Metallica, “Dangerous” by Michael Jackson, “Spellbound” by Paula Abdul and “In blue” by The Corrs.

Any other future project?

A big dream for me is to get my songs place in movies and series. And right now I’m about to sign with an American Publishing company. It’s uplifting to know that amazing things like these can still happen even though we’re in this pandemic. But except for that, I put all my time in writing and recording new music, planning on music videos and take pictures for the cover art for the up coming releases.

We’ve finished. Before leaving you, I ask you to fill these ultimate blank lines with whatever you want to say and never said yet. Thank you very much for your availability and good luck!

Thank you again for having me! I’m really looking forward to coming to Italy.

Hug.

Linda Varg – Weak (Official Video)

Like and Subscribe for more!I’ve loved “Weak” since the first time I heard it!This is a tribute to the original artist Skunk Anansie!Linda Varg’s social plat…

Ciao Linda e benvenuta su Music.it. Cominciamo con una domanda che non manchiamo mai di fare: ti è capitato mai di vivere un episodio particolarmente imbarazzante durante la tua carriera e che mai hai raccontato a qualcuno?

Ciao! E grazie a voi per ospitarmi! Beh, in verità sì. Circa cinque anni fa, lavoravo come intrattenitrice esibendomi su una nave da crociera. Cantavo e ballavo e sempre davo il 100% nelle mie esibizioni. Una sera, mentre facevo il mio numero vedo due tipi che mi guardano – o piuttosto dovrei dire che mi fissano! Ho pensato stessero apprezzando il mio show, ma poi capisco che sempre più gente inizia a guardarmi e a ridere. Guardo in basso e vedo che il mio seno sinistro è tutto di fuori. La bretella del reggiseno s’era allentata. Non ho idea di quanto tempo io abbia ballato scoperta. Imbarazzante! Ecco qualcosa che non avevo mai detto a nessuno.

Raccontaci qualcosa di più su te e la tua attività di musicista, ti va?

Ho iniziato cantando in un coro gospel quando avevo 13 anni. A 14 ho visto il musical “Chicago” che mi ha fatto impazzire. Ricordo che desideravo farlo io quel musical prima o poi e da allora ho capito che avrei voluto lavorare facendo musical.
Ho iniziato a studiare alla Balett Akademien – Ballet Academy – di Gothenburg. La scuola sarebbe durata tre anni, ma feci un’audizione per uno spettacolo televisivo che si chiamava “Popstars” che mi prese e che vinsi. Eravamo cinque vincitori messi insieme per fare una band che si chiamava “Supernatural”. Vivevamo tutti insieme in un appartamento di Stoccolma dove abbiamo registrato un album e siamo diventati una delle teen pop band svedesi del tempo. Fu eccezionale! non potevo crederci!

Com’è progredita poi, quest’avventura?

Abbiamo girato la Svezia per due anni e poi la band s’è sciolta.
Io ho iniziato a scrivere la mia musica e nel frattempo a lavorare sulle navi da crociera. È stato strabiliante. Passavo tutto il giorno nella mia cabina a suonare fino a farmi sanguinare le dita. Ho scritto così tante canzoni. E la sera mi esibivo.
Poi, ho iniziato a lavorare a Copenhagen, in Danimarca, come ballerina nel musical “Chicago”, facevo il personaggio di Annie. L’ho fatto per due anni e poi ho fatto un’audizione per “Idol”, un talent show molto popolare, tipo “X-Factor”.

Un altro show, quindi.

Sì. Mi hanno presa e sono arrivata alle finali. Non era affatto come mi aspettavo. Io immaginavo una passeggiata, ma non era per niente così. Diventai talmente insicura di me. Ero in finale, ero popolare ma anche davvero insicura. Probabilmente cantare cover mi era per me. Ma sono contenta di quell’esperienza. Non mi limiterò mai più come feci allora. Era il 2010, dopo aver girato la Svezia e la Germania con la mia musica. Poi, col Covid mi sono successe diverse cose. I miei manager americani ed io abbiamo firmato un co-management con l’artista, manager e imprenditrice italiana Kiara Laetitia. Sto rilasciando più musica che mai e ci sono anche altre cose che accadono,  ma non posso svelare nulla.

Linda Varg, tu sei svedese. Mi chiedo sempre se il luogo in cui cresce una persona sia fondamentale nella formazione di un’ispirazione artistica. Tu cosa ne pensi?

Sono assolutamente convinta chequesto  possa influenzare molti artisti.  iIl loro modo di fare musica, di creare il suono. Ma adesso il mondo è come un libro aperto con tutte le piattaforme streaming. Non ci sono più confini tra i paesi quindi credo che questa cosa vada scomparendo. Io  non sono influenzata direttamente dalla musica folk svedese, visto che ho sempre ascoltato musica americana. Molte volte mi hanno chiesto se volessi cantare in svedese, ma poi il resto del mondo come capirebbe quello che canto? Io punto al mondo.

Vorresti  condividere il tuo pensiero rispetto la televisione che produce l’arte? Dopotutto, la tua esperienza viene da lì.

Beh, è un modo per arrivare come artista ed è molto veloce. Ma per molti di loro, non dura mai. Non voglio smontare quello che ho fatto, solo che non lo rifarei più. Se ci penso mi sembra finto, non che venga dal cuore. È come fare tra karaoke e spettacoli. Ma certo, è divertente ed è intrattenimento quindi capisco perché sia tanto popolare. Ma non ha niente a che fare col desiderio che brucia d’amore per la musica. Capisco che le persone vogliono farlo perché ho voluto farlo anch’io. Piccolo consiglio per chi decide di partecipare a un reality show: ascoltate la giuria solo quando dice cose belle!

Parliamo di “Weak”, la cover degli Skunk Anansie che hai recentemente pubblicato. Perché quella canzone, volevi esprimere qualcosa attraverso una sua cover?

Adoro quella canzone, la ascolto e la canto. Ogni tanto la facevo fuori scaletta dai miei concerti, ma non avevo mai pensato di registrarla, visto che ho sempre pubblicato solo la mia musica. La scorsa estate ho sentito come una voce dentro di me che mi diceva “fa’ una cover di Weak”. Sapevo fosse un’idea eccezionale, quindi ho chiamato il mio amico e produttore Karl-Ola Kjellholm chiedendogli se volesse registrarla con me e mi ha detto di sì. Volevo farne una versione pop moderna ma che tenesse il pugno. Sono davvero soddisfatta e contenta del risultato. Mi piace molto il mix di drumloops, chitarra elettrica e synthbass! C’è anche un videoclip della canzone. È sexy, oscuro ed emozionakle. Qualcosa che mai avevo fatto prima.

Ti sei mai esibita in Italia? Se no, ci diresti qual è il posto nel mondo in cui più hai amato suonare e perché?

Non ho mai suonato in Italia. Se non contiamo il “cyberspazio Italia”, perché altrimenti ho un paio di festival in live streaming a cui ho partecipato. Vorrei scendere in Italia appena sarà permesso. Ho suonato solo in Svezia ed in Germania. Adoro suonare in Svezia, ma in Germania era più divertente. Lì, adorano davvero la musica dal vivo e non sono timidi di fronte il palcoscenico a mostrarti il loro amore! È pazzesco. Dovevo cominciare a suonare negli Stati Uniti lo scorso autunno, ma a causa del Covid ho dovuto annullare tutto. Sono curiosa di conoscere il pubblico italiano. Non saprei cosa aspettarmi, ma lo scoprirò.

Vuoi raccontarci come  te la sei cavata in questo disgraziato momento storico che paralizza l’arte e gli eventi dal vivo?

Per me, era completamente okay (in Svezia non ci sono tante restrizioni come in Italia), ma ad essere onesta, questo sta cominciando a stancarmi. Io adoro esibirmi e ho girato per almeno tre anni e poi mi sono fermata all’improvviso. Ho cominciato a fare livestreaming all’inizio della pandemia ed andava bene, però non è che puoi farci tanto. Cerco di concentrarmi su ciò ch’è positivo. Scrivo musica e pubblico continuamente e sono anche in contatto coi fans attraverso i social. Di questo sono molto grata. Ho anche una squadra fantastica al management che sono Sami Rusani in U.S.A. e Klara Laetitia in Europa. È un sogno lavorare con gente tanto brava! È questo che mi manda avanti.

Nomina cinque album per cui non puoi vivere senza.

È molto tempo che non ascolto un album intero. Al giorno d’oggi, la musica è talmente accessibile che di solito ascolti una singola canzone di un artista. Ma ricordo bene quando avevo dei CD da ascoltare e i miei preferiti erano: ” Jagged little pill” by Alanis Morissette, “Black Album” by Metallica, “Dangerous” by Michael Jackson, “Spellbound” by Paula Abdul and “In blue” by The Corrs.

Progetti futuri?

Un gran sogno che ho è di trovare posto ai miei brani nei film e nelle serie. E adesso sto per firmare con una società di pubblicazioni americana. È incoraggiante sapere che cose fantastiche come queste possano ancora accadere anche sotto pandemia. Ad eccezione di questo, comunque impegno tutto il mio tempo scrivendo e registrando nuova musica, pensando un piano per i videoclip e scattare fotografie per le copertine delle nuove uscite.

Abbiamo finito. Prima di lasciarti, ti chiedo di riempire queste ultime righe bianche con qualsiasi cosa tu abbia voglia di dire e non hai detto mai. Grazie davvero per la tua disponibilità e buona fortuna!

Grazie ancora per avermi ospitato! Cercherò davvero di venire in Italia!

Abbracci.

Linda Varg – You gotta come home (Official Video)

Like and Subscribe for more! Song written by Linda Varg I wrote “You gotta come home” to my grandmother. A few years ago, my grandmother got a psychosis and …

(Visited 1 times, 1 visits today)