The Criminal Chaos somiglia più a un progetto che ad una band. Cinque elementi chimici che interagiscono e sprigionano reazioni complesse. Le onde prodotte sono sonore, emanate dalla riproduzione di “Surreal Reality”, opera prima dei The Criminal Chaos. I beat elettronici in apertura della headtrack “The Future” disegnano la sinusoide di cardiopatico. Tanto estraniante quanto vintage, è la traccia più post-rock dell’album. Chitarra, basso, voce, batteria e comparto elettronico si fondono in una miscela tanto esplosiva quanto riflessiva. In “Vanity” dimostrano di avere il piglio del punk e la sonorità dell’hard rock classico. Con “Black Night Show” il delay carica di hype il ritmo per poi stabilizzarlo. Nei momenti psichedelici è il basso il protagonista. Sanno anche sguinzagliare un piglio grunge, inserendo influenze dance per quel che riguarda l’impasto sonoro.

La strumentazione nelle mani dei The Criminal Chaos diventa un super-potere

Anche in “Eden” la sezione ritmica dà personalità ai The Criminal Chaos, grazie alla scelta di asciugare totalmente ogni possibile riverbero del rullante. Sballottano l’ascoltatore tra cielo e terra, in una dimensione eterea che è quella onirica. Le ispirazioni sonore ricordano gli U2, ma per i ritmi viaggiano verso il numetal dei Linkin Park. Le distorsioni e gli effetti si dosano magistralmente all’uso sapiente dell’anatomia di ogni strumento imbracciato dai The Criminal Chaos. Con “Light vibration”, infine, ripuliscono ogni contaminazione ‘post’ dal rock che innerva tutta la composizione di “Surreal Reality”. L’album di debutto dei The Criminal Chaos risulta ben riuscito e ben fatto. D’altronde, la produzione porta contributi di tutto rispetto: quello di Fabrizio Grossi, Fulvio Ferrari e di Pete Doell.

Il debutto dei The Criminal Chaos è tanto esplosivo quanto riflessivo

Il quintetto suona tracce orecchiabili, che coinvolgono fin dal primo ascolto. Ma sanno benissimo quali sono i limiti da non valicare: il rinforzo di ‘violini’ in “Light Vibration” risulta totalmente inaspettato, come gli assoli di basso tra un ritornello e l’altro. Hanno un modo di scrivere che prendono il concept molto alla lontana. Niente è ciò che sembra a un primo ascolto di “Surreal Reality”. La chitarra, il basso, il synth, la batteria e, perché no, le corde vocali, nelle annose competenze dei The Criminal Chaos diventano super-poteri. La scelta di declinare il post-rock con sonorità vintage poteva essere rischiosa, soprattutto quando accompagnata a melodie cantabili fin da subito. C’è il virtuosismo a salvarli, con contrappunti temporali decisamente interessanti.

Surreal Reality

Listen to Surreal Reality on Spotify. The Criminal Chaos · Album · 2019 · 7 songs.

(Visited 1 times, 1 visits today)