Il bacio che sta facendo il giro del mondo è quello dei Rammstein. Proprio ieri, nello stadio di Mosca, i due chitarristi della band Paul Landers e Richard Kruspe si sono baciati sul palco. Più che una frecciatina nei confronti del governo Russo, dato che non è finita così. I Rammstein nei loro gommoni hanno sfilato lungo la passerella del palco con le bandiere arcobaleno in mano. Un messaggio che ricalca perfettamente la critica contenuta nel loro ultimo album. Il bacio arriva durante l’esibizione di “Auslander” primo singolo dell’album.

Proprio la band metallare tedesca poi ha pubblicato la foto sul proprio profilo Instagram commentandola con “Russia, we love you”. Già avvano affrontato il tema recentemente in Polonia, altro stato altamente omofobico. Proprio la Polonia al momento è al centro dell’attenzione per i forti attacchi che la comunità LGBTQ polacca sta subendo dai nazionalisti. Insomma, dopo i trascorsi della band e le accuse di filonazismo e razzismo, sono proprio loro che si impegnano a dimostrare che il loro mondo è più colorato di quello che appare.

Rammstein Guitarists Kiss Onstage in Moscow, Defying Russian Anti-LGBT Laws

Rammstein guitarists #RichardKruspe and #PaulLanders made a statement onstage at Moscow’s Luzhniki Stadium, kissing in defiance of Russia’s anti #LGBT laws….

(Visited 1 times, 1 visits today)