Grace Slick, foto live

GRACE SLICK, gli ottant’anni della musa del movimento hippie

Grace Barnett Wing, in arte Grace Slick, spegne oggi 30 ottobre ottanta candeline.

Grace Slick, dai Jefferson Airplane alla pittura.

Passata alla storia come una delle muse del movimento hippie, Grace Slick è stata una delle voci che ha maggiormente influenzato la musica a cavallo tra gli anni ’60 e gli anni ’70. Poi a causa di un problema di salute ha dovuto abbandonare i palchi per dedicarsi alla pittura, restando però sempre una vera icona di quegli anni.

Grace Slick ha militato come cantante nei Great Society e poi nei Jefferson Airplane che diventarono nei primi anni settanta i Jefferson Starship.

Alcool, droga, politica, controcultura, psichedelia e tutta una serie di festival ed eventi in giro per il mondo, sono solo una piccola parte degli eventi che hanno visto protagonista la bella Grace Slick. Oggi per i suoi ottant’anni vogliamo celebrarla con sette canzoni leggendarie dei suoi anni d’oro.

Sette brani leggendari dei Jefferson Airplane.

“White Rabbit” è uno dei capolavori indiscussi dei Jefferson Airplane e del mondo della psichedelia. Un inno scritto in maniera ipnotica e misteriosa e basato sui racconti di Carrol. Un brano impressionante e suggestivo che catapulta l’ascoltatore nel mondo lisergico di “Alice nel paese delle meraviglie”.

“Somebody to love” è un altro grande brano che non ha bisogno di presentazioni. Resta nella storia la magistrale interpretazione vocale di Grace Slick che, come in un rito sciamanico, incanta e trasporta in un mondo altro fatto di visioni e sensazioni forti.

“Today” è un brano, forse, meno conosciuto dei precedenti, ma di una attualità sonora incredibile. Un brano fatto di intuizioni e esplorazione sonora che lo rendono estremamente moderno.

“The Other Side Of This Life” risuona di echi sciamani e lisergici. Anche quei Grace Slick diventa sacerdotessa di un movimento che come pochi altri ha cambiato il modo di vivere e di pensare. Di questo brano resta il tragico ricordo del Festival di Altamont del 1969, in cui morirono quattro persone e anche Marty Balin dei Jefferson Airplane fu buttato giù dal palco.

“Crown Of Creation” è sicuramente uno dei brani più evocativi e suggestivi dei Jefferson Airplane. Un brano tra il blues e la psichedelia, in grado ancora oggi di suscitare emozioni forti.

“Comin’ Back To Me” è un brano di grande respiro che si prende il suo tempo e il suo spazio. Uno dei brani più caratteristici della storia del rock e, senza nemmeno dirlo, ennesima grande prova di forza per Grace Slick e soci.

“Pretty As You Feel” è un brano dal sapore hippie, caratterizzato da una pace e da un andamento rilassato e lisergico. Altro brano simbolo di una generazione e di un movimento che ha fortemente cambiato la storia della musica.

Questi sono solo alcuni dei brani dei leggendari Jefferson Airplane che hanno fatto il successo di Grace Slick e l’hanno consacrata come una musa.

Tanti auguri Grace, altri cento di questi giorni.