In ordine sparso: Gian Maria Accusani (Mr Man), Elisabetta Imelio (Boom Girl), Doc Eye, Frog Man e miss Understanding: i Sick Tamburo
In ordine sparso: Gian Maria Accusani (Mr Man), Elisabetta Imelio (Boom Girl), Doc Eye, Frog Man e miss Understanding: i Sick Tamburo

“PAURA E L’AMORE”, tutto l’umano dei SICK TAMBURO

“Paura e l’Amore” è l’ultimo disco dei Sick Tamburo, gruppo attivo dal 2009 e sorto come sorta di “spin-off” dei non più attivi Prozac+. Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio, infatti, non hanno mai smesso di incontrarsi e suonare. Creare e raccontare storie di relitti e di reietti, di sentimenti puri e violenti, salmastri ed obliqui. «Tell the truth, but tell it slant», scriveva la potente penna di Emily Dickinson nella “lirica 1263”. Ecco, le corde di Gian Maria Accusani – curve elettriche sulla carta da tradurre in musica – arrivano sempre, e ancora, come fotografie del quotidiano scattate da una prospettiva inclinata. Dove luce e ombra figurano personaggi in balia dei movimenti di spinta e respinta dal ventre del mondo.

Sì, perché nelle nove tracce di “Paura e l’Amore”, i Sick Tamburo cercano la sintesi che questi due sentimenti che fanno gli uomini umani. L’attitudine punk che alimenta il monito dei Tamburo è squisitamente rivisitata in chiave contemporanea. In “Paura e l’Amore” coesistono dei ri-conoscimenti familiari che il corpo stesso rintraccia e disegna con l’agitazione emozionata che si innesca all’ascolto. Perché ascoltare i Sick Tamburo è come tornare nei luoghi dove si scoprivano le acque dei ’90 per bagnarsi del tempo che le ha attraversate. Penso ad “Agnese non ci sta dentro”, “Mio padre non perdona”, “Il più ricco del cimitero”. Ma anche “Baby Blue”.

le corde di Gian Maria Accusani – curve elettriche sulla carta da tradurre in musica – arrivano sempre, e ancora, come fotografie del quotidiano scattate da una prospettiva inclinata.

Pezzi che contengono l’essenza agrodolce che sferza il ritmo e lo fa battito vivo. Vivo è il cuore di “Lisa [che] ha 16 anni”, della fragilità di Andrea, “Quel ragazzo speciale”. Calde le correnti degli arpeggi in “Puoi Ancora”, negli archi che guizzano rapidi fuori dall’abbraccio. Che «non c’è niente senza l’amore, non c’è niente senza il dolore» è la presa di coscienza necessaria alla scelta, alla vita che non ha contrari, che oltrepassa, fosse anche per un intero secondo, la morte. “Paura e l’Amore” è una traccia di questo passaggio sulla terra. Il disco è il panorama di questo punto del percorso che i Sick Tamburo seguitano a plasmare con autentico stile. Una gemma d’aprile, che «genera Lillà dalla terra morta».