David Bowie scelse il suicidio assistito per mettere fine alla sua vita
Il Duca bianco David Bowie

David Bowie e la cinematic experience: di cosa si tratta?

Non si tratterà né di una biopic ne tantomeno di un documentario, ma di un’esperienza immersiva. In effetti sono davvero poche le notizie che riguardano il progetto diretto da Brett Morgen, già regista di “Kurt Cobain: Montage of Heck“. Il regista non ha rilasciato ancora alcun tipo di dichiarazioni a proposito di questo mrogetto. Sembra però che abbia passato gli ultimi 4 anni a visionare gli eventi live di David Bowie per produrre un’esperienza immersiva da presentare al cinema. Alcune fonti hanno dichiarato:

«non sarà né un documentario né una biografia, ma un’esperienza cinematografica immersiva».

Quindi non aspettatevi un documentario sulla straordinaria vita del cantante o un nuovo film con qualche attore ad interpretare la parte. In questo caso infatti sembra che tutto il film sia un enorme montaggio di live del duca bianco, con riprese mai rese pubbliche. Tra i collaboratori del progetto, che è stato supportato anche dagli eredi di David Bowie, ci sarebbe anche Tony Visconti, storico produttore di band del calibro dei Metallica oltre che dello stesso Bowie.

Indiscrezioni raccontano che il film ormai è quasi completo e potrebbe essere presentato già a gennaio al Sundance Film Festival, cosa che ci auguriamo davvero. Intanto né Brett Morgen né il suo team si solo lasciati sfuggire una sola parola. Il fatto curioso però è che negli ultimi giorni, sul profilo twitter del regista sono apparsi continuamente contenuti riguardanti David Bowie, esattamente come per Kurt Cobain poco prima della pubblicazione del film.