il giovane duo italiano Libet rilascia il nuovo disco di esordio dal titolo "Il primo Ritratto".
il giovane duo italiano Libet rilascia il nuovo disco di esordio dal titolo "Il primo Ritratto".

LIBET è il giovane duo torinese autore de IL PRIMO RITRATTO

Un esordio degno di nota per la giovane formazione di Torino. Oggi vi raccontiamo il nuovo disco dei Libet, dal nome “Il Primo Ritratto”. Il duo composto da Marco Natale e Alan Spanu si presenta con un progetto ambizioso dalle sonorità fluttuanti e ambientali. La voce soave ondeggia tra le righe di racconti di vita sparsi nella memoria, i pad, a tratti morbidi, a tratti acidi, compongono le pareti ed i limiti di questo spazio. Uno stile di composizione molto riconoscibile che imprime un notevole vantaggio al progetto. I Libet non temono la sperimentazione, l’utilizzo di dissonanza e delle variazioni improvvise. Ma non per questo il loro è un disco pesante, anzi tutt’altro.

“Il Primo Ritratto” è anche un disco che vuole cercare di miscelare lo stile cantabile della tradizione Indie italiana con i suoni sintetici dell’elettronica. Molti elementi, come lo sviluppo della metrica ed il significato profondamente ermetico dei testi, mi riportano alla mente il timbro dei Verdena. Ma questa volta il sound tipicamente post rock viene sostituito dallo stile emblematicamente ambient ed Idm dei Libet. Un altro elemento profondamente caratteristico è la particolare lavorazione della drum che dona al tutto una sorprendente fluidità. Ad esempio in “Dashi” la sezione ritmica che sembra apparentemente contrastante tende ad intrappolare l’ascoltatore in una dimensione ipnotizzante.

Tra cantautorato e musica elettronica, “Il Primo Ritratto” è l’album d’esordio dei Libet

La tematica costante del disco è quella della temporalità, la ricorrente impossibilità di mantenere la realtà aderente ai nostri schemi. “Il Primo Ritratto” non vuole solamente segnare il primo ingresso nel panorama musicale italiano. Come un’istantanea su pellicola, l’album dei Libet vuole essere lo scatto sulla loro creatività artistica, una parte del loro passato nella sua posa più naturale. Un prodotto sincero e profondo, anche se non perfettamente definito nei suoi particolari. Un’immagine rubata all’incessante corsa del tempo, raccontata come solo la musica sa fare. Questo ed altro è l’esordio del duo torinese. “Il Primo Ritratto” è disponibile sia in versione fisica che digitale, potete ascoltarlo subito su Bandcamp.