Steven Adler con gli Adler's Appetite in un live del 2010
Steven Adler con gli Adler's Appetite in un live del 2010

STEVEN ADLER, ex batterista dei GUNS N’ ROSES, in ospedale per una pugnalata

Stamattina l’ex Guns N’ Roses Steven Adler è stato portato in ospedale. Il quotidiano americano TMZ riporta che la chiamata al 911 sia partita dall’abitazione di Los Angeles del batterista intorno alle 6.30 di giovedì sera. Probabilmente lo stesso Steven Adler ha detto al telefono di essersi pugnalato da solo. All’arrivo, forze dell’ordine e paramedici hanno constatato che si trattava proprio di lui, con una ferita da taglio sullo stomaco. È stato tempestivamente ricoverato in un ospedale locale. Sembra che la gravità della ferita non sia tale da metterlo in pericolo di vita. Finora sembra che nessun’altro sia coinvolto in questo incidente. La cosa non stupisce affatto.

Steven Adler, come anche altri Guns ‘N Roses, è stato tossicodipendente

Mentre verso la fine degli anni ’80 i suoi compagni di musica hanno iniziato a disintossicarsi, lui è rimasto nel tunnel dell’eroina per molto altro tempo. Sembra che per riuscire a registrare “Civil War” come noi la conosciamo l’abbia dovuta riprovare circa 80 volte. La tossicodipendenza si è portata dietro la depressione e per anni ha abusato di stupefacenti. Gli attriti col frontman Axl Rose diventarono sempre più insostenibili, tant’è che nel ’90 fu definitivamente allontanato dai Guns ‘N Roses. Cosa che non gli impedì di essere nominato nella Rock & Roll Hall of Fame nel 2012 insieme al resto della band.

Steven Adler, ex Guns ‘N Roses, si pugnala e poi chiama il 911

Dai primi anni ’00 Steven Adler ha tentato la riabilitazione diverse volte, davanti a telecamere nello show “Celebrity Rehab” o in via privata. Il fatto che l’estasi da stupefacenti gli abbia regalato spunti per “Wasted Time”, come ebbe modo di dichiarare Sebastian Bach, frontman degli Skid Row, potrebbe non essere un motivo sufficiente per uscire definitivamente dal tunnel della dipendenza.  Per ora, possiamo solo augurargli un sincero in bocca al lupo, per lo stomaco e per la vita!

https://youtu.be/fFBsBol7FL4