Anna Carol ci parla della condizione inarrestabile del mutamento con il suo ep "Evoluzione".
Anna Carol ci parla della condizione inarrestabile del mutamento con il suo ep "Evoluzione".

ANNA CAROL si lancia nella scena pop italiana col suo disco EVOLUZIONE

ANNA CAROL EVOLUZIONE COVEREccoci tornati cari lettori di Music.it per parlare di un po’ di buona musica, che in questo periodo sicuramente non ci dispiace. Oggi ci occupiamo di una artista fresca, una brezza che si possa sul mondo del pop elettronico italiano. “Evoluzione”, è l’EP di esordio della cantante e musicista a tutto tondo Anna Carol.

Un disco che emana un’aura piacevolissima, una fluttuante ondata di accordi di none e settime che accompagna la voce, leggerissima, della cantante. Ma anche decisa e tenace nel raccontarci la sua visione della vita, una linea che inarrestabile percorre la sua strada, che cambia forma, aspetto e contenuto. “Evoluzione” è il concetto chiave e titolo del disco che ci accompagna, come una buona stella, tra le parole di Anna Carol.

Quel sotteso senso di cambiamento che sentiamo sotto la pelle costantemente, il battito pulsante della vita che non concepisce stasi. “Evoluzione” è anche il bisogno di tornare a casa dopo un lungo viaggio, di cantare nostre canzoni nella nostra lingua. Ed è proprio questo il ritorno di Anna Carol in Italia dopo un lungo periodo trascorso tra Olanda, Germania e Inghilterra.

Anna Carol ed il costante senso di cambiamento: “Evoluzione” è il suo EP di debutto in uscita il 10 Aprile

Una formazione soul/jazz che non si nasconde tra le righe del suo disco e lascia trasparire uno spiccato senso del gusto. È proprio nella prima traccia dell’EP che Anna Carol ci parla della distanza. “Quando Tornerai” è un brano che si estende nello spazio fra noi e quella persona che vorremmo al nostro fianco. La musica unisce, questo è vero, ma a volte è necessario parlare anche della lontananza.

“Evoluzione” è anche la scelta sottile e delicata di un timbro caldo ed avvolgente. Una selezione di piani elettrici, arpeggiatori e synth smoth, e poi una chitarra, un basso ed una batteria. Un sound particolare ed internazionale che ricorda quello di FKJ, Tom Mish o anche produzioni italiane come Ghemon e Francesca Michielin.

“Evoluzione” di Anna Carol, è infatti, anche una scommessa, quella di creare un prodotto che non sia né pop, né jazz e ne soul, ma solamente un filo sottile sospeso tra questi generi. Il disco, in uscita per il 10 aprile, ci aspetta su tutte le piattaforme digitali. Mi raccomando, prima di ascoltarlo, mettetevi comodi.