THE DAY AFTER SANREMO – Ecco le versioni in studio delle canzoni del Festival

È andata in onda ieri 5 febbraio la prima serata del 69° Festival di Sanremo, in diretta, come di consueto, dal Teatro Ariston. Gli ascolti non sembrano aver premiato la seconda edizione del direttore artistico Claudio Baglioni, accompagnato sul palco dai comici Virginia Raffaele e Claudio Bisio.

La gara è iniziata incredibilmente puntuale e i 24 cantanti si sono esibiti velocemente. Smania di far ascoltare al pubblico i propri lavori? Chi può dirlo…
Purtroppo gli sketch delle due spalle di Claudio Baglioni, insieme alla sua smania di cantare con tutti gli ospiti, hanno affossato il ritmo di questa prima serata del Festival. Almeno in questa sede, facciamo vincere la musica!

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Ad aprire la gara ci ha pensato un Francesco Renga decisamente sottotono con “Aspetto che torni”. Sempre più simile a un Biagio Antonacci con troppi capelli, ha fatto rimpiangere i bei tempi dei Timoria e dell’energico esordio solista. La canzone in studio non è poi così male. Testo a parte, ovviamente. Ma qualcuno dovrà pur far contente le casalinghe, no?

[/one_half]

[one_half_last]

Francesco Renga – Aspetto che torni (Official Video – Sanremo 2019)

Ascolta “Aspetto che Torni”: https://SMI.lnk.to/AspettoCheTorni Francesco Renga – Aspetto che Torni Segui #FrancescoRenga: Instagram: https://bit.ly/2G9SobY Facebook: https://bit.ly/2HRtMWP Spotify: https://spoti.fi/2G9DQsC Twitter: https://bit.ly/2DSBMmu Regia e D.o.P.: Gaetano Morbioli Editing: Laura Sans Gassò Graphic motion: Damiano Bellamoli Casa di Produzione: Run Multimedia Aiuto Regia: Peter Facchetti Producer: Carlotta De Conti e Anna Zavatteri

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Livio Cori e Nino D’Angelo gareggiano per la quota Napoli di quest’anno. Finalmente senza rap e canzone neomelodica tamarra di mezzo, la lingua partenopea mostra le sue grandi capacità espressive con “Un’altra luce”. L’arrangiamento RnB, dai vaghi richiami a Liberato (e che sia proprio Livio Cori a vestire la felpa più misteriosa della musica?) purtroppo non esplode mai.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Nek fa Nek, e da 20 anni lo si ama o lo si odia. Personalmente non lo amo. “Mi farò trovare pronto” è un’accozzaglia di plagi, a cui Filippo Neviani ci ha abituati da tempo. E per questo funziona. Prepariamoci a sentirlo in radio nei prossimi mesi.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Riascoltata in studio la canzone degli Zen Circus guadagna tanti punti. Durante la prima serata del Festival, infatti, l’idea generale è stata quella che Andrea Appino cantasse un’altra canzone rispetto a quella suonata dalla sua compagine. Nonostante gli archi, la band rimane fedele a se stessa.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

La boy band di ventenni più vecchi d’Italia torna fuori tempo massimo per proporre l’ennesima melodia opera pop. Nonostante abbiano cercato di seguire, finalmente, lo spirito più pop e gggiovane delle proprie sonorità, il risultato rimane comunque dimenticabile. E purtroppo perfetto per l’Eurovision Song Contest.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Loredana Bertè e la sua forza non si discutono. Nonostante il medley di “Zombie”, “C’è chi dice no” e “Left outside alone”, “Cosa ti aspetti da me” è l’ottima coronazione del suo ritorno. Certo, sono lontani i tempi di “Luna”, ma questa Non Signora della canzone non ha più niente da dimostrare, e può permettersi canzoni che non siano capolavori. Kudos per il video di ConiglioViola e Fausto (KraustoCollarino. Altro che “Adrian”…

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Penalizzati da evidenti problemi di audio sul palco – come gli altri concorrenti, del resto – Daniele Silvestri e Rancore non hanno brillato. L’arrangiamento orchestrale non ha reso onore a un pezzo che cresce con gli ascolti e si fa apprezzare sempre più. Ma Manuel Agnelli dov’era ieri?

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Nonostante la bravura nei freestyle di Shade e la sua contagiosa simpatia, la formula rapper e cantante pop è già stata declinata in ogni modo. E l’idea generale durante l’esibizione è stata quella di ascoltare le brutte copie di Fedez e Francesca Michielin, purtroppo non smentita dalla versione studio.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Dato inizialmente tra i favoriti e spacciato per un Tiziano Ferro 2.0, Ultimo è sembrato più un Fabrizio Moro ripulito e sottotono. L’ascolto della versione in studio di “I tuoi particolari” fa guadagnare qualche punto anche a lui, ma la canzone rimane un qualsiasi pezzo amiciano.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

La canzone non è “Fatti bella per te”, ma Paola Turci rimane comunque sinonimo di talento ed eleganza sul palco. Peccato per qualche nota alta un po’ sofferta dovuta all’infelice scelta di sporcare la voce sul ritornello.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Nonostante il titolo di dubbio gusto “Dov’è l’Italia” e un’esibizione imprecisa, Motta rimane uno dei cantautori più interessanti del panorama nostrano. Con un’esibizione migliore, potrà portare a casa buoni risultati e farsi conoscere con un exploit simile a quello di Ermal Meta.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

I Boomdabash non dovrebbero mai cantare in italiano. La loro cifra stilistica funziona con l’ottimo mix di salentino e inglese che li ha fatti passare nelle dancehall internazionali. Peccato, sarebbe stata una buona occasione per portare qualcosa di diverso sul palco dell’Ariston.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

La riformulazione del connubio rapper e diva sembra funzionare, nonostante la proverbiale mancanza di intonazione della bionda del Piper e il concentrato di antipatia sul palco, esasperato da due minuti di problemi tecnici. Aspettiamo la versione studio per dare un giudizio sul pezzo Speriamo positivo.

[/one_half]

[one_half_last]

https://youtu.be/WdvPn1kwAqs

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Simone Cristicchi fa Simone Cristicchi. E pure in questo caso è odio o amore.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Incomprensibilmente osannato dalla critica, Achille Lauro porta una dignitosa canzone di Vasco Rossi sul palco del 69° Festival di Sanremo. A dimostrazione che le rockstar del momento sono i trapper. D’altronde nessuno ha detto che sia un bel periodo in cui vivere.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Antonella Ruggiero incontra Lorella Cuccarini con un arrangiamento adatto forse per una serata gaia sotto Natale. Arisa mia, va bene non fare solo ballate strappalacrime, ma non ti pare di aver esagerato un pochino?

[/one_half]

[one_half_last]

https://youtu.be/JdE0A_F4wdA

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Nonostante la citazione a The Who, il risultato sembra più una canzone dei Decibel. Non è un pezzo dei Negrita, ma Pau è stato il cantante più bravo in gara. Peccato che il pezzo sia un tantino piatto.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Più che cantautorapper, Ghemon conferma di essere un ottimo autore e cantante. Finalmente una canzone su un altro livello. E poi, il look da imbianchino rimarrà negli annali.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Canzone amiciana. E quindi papabile podio da televoto. Next, please.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Arriva un po’ di it-pop a Sanremo, con venature di Jovanotti. Gli Ex-Otago portano la classica canzone che vorresti odiare, e invece ti ritrovi a canticchiare sotto la doccia oppure mentre lavi i piatti.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Anna Tatangelo è quella cantante che ogni volta che la vedi pensi «Ammazza, per l’età che ha è proprio una bella donna», per poi ricordarti che ha poco più di 30 anni. E questa è l’unica cosa che viene in mente pensando alla sua discografia.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

«Ma questo non l’abbiamo già sentito prima?» è stato il commento di tutti. No, Irama non è Einar. Ma la canzone è sempre la solita minestra riscaldata per il pubblico di Amici. Stellina d’oro per il coro gospel, comunque.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

La genialità è anche scrivere un testo infarcito di frasi fatte utilizzando la formula «Dicono che…». La canzone di Enrico Nigiotti, nella sua banalità, arriva dritta. Peccato duri troppe ere geologiche.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

[one_half padding=”0 10px 0 0″]

 

Nonostante il look di Steve Arkel, lontano anni luce dal Mahmood pazzesco di qualche anno fa, il cantautore ex-fattorino porta in gara il brano definitivo: moderno, commerciale, ben scritto e prodotto ottimamente. In un mondo giusto, dovrebbe essere l’italo-egiziano a rappresentarci in Europa all’ESC, possibilmente vincendolo.

[/one_half]

[one_half_last]

[/one_half_last]

SEGUI IN DIRETTA IL FESTIVAL DI SANREMO SUL GRUPPO FACEBOOK DI MUSIC.IT